Allacciamento alla rete cittadina

Finalmente è arrivato il gas a casa tua tramite rete che garantisce:

  • continuità e sicurezza nell’approvvigionamento
  • convenienza economica, paghi solo quello che consumi
  • maggiore controllo dei consumi
  • maggiore sicurezza contro dispersioni e guasti, con servizio attivo 24h su 24h
  • rispetto dell’ambiente grazie ad energia a bassa emissione di CO2

1 – Come fare l’allaccio alla rete cittadina

Puoi chiamare il numero verde

Numero Verde 800 990 110 (gratuito da rete fissa)

oppure rivolgerti direttamente al personale SHERDEN presso i nostri uffici e sottoscrivere il modulo di richiesta allaccio.

2 – Quanto costa l’allaccio

  • IL CONTRIBUTO DI ALLACCIAMENTO AGEVOLATO NELLA FASE DI CANTIERE È DI SOLI € 97,60.
  • AL CONTRIBUTO* DOVRANNO ESSERE SOMMATI € 57,34 (DELIBERA 40/14).
  • IL PAGAMENTO POTRÀ AVVENIRE TRAMITE BONIFICO BANCARIO, BOLLETTINO POSTALE O IN CONTANTI.

Il contributo comprende: cassetta e/o sportello di prima installazione, l’installazione del contatore (dopo la sottoscrizione del contratto di fornitura), il collegamento aereo e l’allaccio alla condotta stradale.


*Tutti i contributi sono comprensivi di IVA e si riferiscono a impianti standard fino a 35 kW di potenza.

3 – Come attivare la fornitura

Dopo l’allaccio alla rete è necessario attivare la fornitura di gas, completando l’impianto all’interno della tua abitazione e installando il contatore.

Contatta Sherden Energia per:

  • sottoscrivere il contratto di richiesta fornitura con i relativi allegati
  • fornire la documentazione relativa alla conformità dell’impianto interno come previsto dalla normativa vigente (Delibera 40/14 – AEEGSI)

4 – Documenti necessari per l’attivazione

Consegna allo sportello tutta la documentazione di idoneità dell’impianto.

Per impianti senza obbligo di progetto < 50 kW
  • allegato H/40 (compilato dall’utente della fornitura)
  • allegato I/40 (compilato dall’installatore della caldaia)
  • allegati obbligatori (compilati dall’installatore della caldaia)
  • visura camerale dell’installatore
  • progetto canna fumaria (solo se la caldaia sia asservita a uno scarico collettivo)
Per impianti con obbligo di progetto > 50 kW
Oltre alla documentazione di cui sopra:
  • progetto rete gas (elaborato grafico + relazione tecnica)
  • progetto canna fumaria (per impianti > 50 kW è necessario il progetto anche se la canna fumaria è singola)
  • dichiarazione del progettista per la disciplina antincendio (per locali ex D.M. 12/04/96 e impianti fra 115 e 350 kW)
  • esame progetto ed esito favorevole dei Vigli del Fuoco (per impianti fra 350 e 700 kW)
  • certificato Prevenzione Incendi (per impianti > 700 kW)

5 – Quanto costa la fornitura GPL